9.5 C
Milano
venerdì, 17 Settembre, 2021
Home News 168° Anniversario della fondazione: Polizia, auguri! La lettera commovente dell’Arma Civile

168° Anniversario della fondazione: Polizia, auguri! La lettera commovente dell’Arma Civile

La deposizione di una corona d’alloro nel Sacrario della Polizia. Alcuni minuti di raccoglimento davanti ai tanti nomi dei nostri caduti in servizio.

Così questa mattina il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ed il capo della Polizia Franco Gabrielli hanno celebrato il 168° Anniversario della fondazione. Simili cerimonie si sono svolte in tutta Italia alla presenza dei prefetti e dei questori delle province davanti alle steli e alle lapidi che ricordano le vittime del dovere della Polizia di Stato. Il distanziamento sociale non ha permesso altri eventi se non quello di rendere il doveroso omaggio ai nostri caduti che rappresentano la nostra memoria, illuminano la strada da percorrere e ci ricordano in ogni istante l’impegno di servire con onore e disciplina il nostro Paese.

“Più che un festeggiamento, dunque – come ha ricordato il capo della Polizia nel suo messaggio inviato ai poliziotti per l’occasione- un momento di riflessione sul ruolo che oggi siamo chiamati ad interpretare. Perché oggi più che mai dobbiamo essere un punto di riferimento per le nostre comunità. Rigorosi nel far rispettare le leggi – ha continuato il prefetto Gabrielli – dobbiamo oggi però essere primariamente interpreti del disagio e dello smarrimento che stanno attraversando i nostri cittadini, per essere al loro fianco”.

La lettera

Ricorderemo tutti questo 2020 come un anno sospeso in cui le cose normali hanno assunto “normalità” diverse.

Ci salutiamo in modo diverso, lavoriamo in modo diverso, e ci preoccupiamo di noi e dei nostri cari in modo diverso.

Non fa eccezione l’Anniversario della fondazione della Polizia che, quest’anno, compie 168 anni.

Avevamo infatti immaginato di celebrare questo compleanno con un altro spirito; insieme alle comunità la cui sicurezza ci è affidata, con i sorrisi nelle piazze e con il ricordo doveroso di chi, tra i nostri colleghi, non c’è più.

Ma la pandemia, che si è sviluppata a causa di un temibile quanto invisibile nemico, ha trasformato le nostre vite e i nostri progetti.

Oggi, coerenti con i nostri ideali di servizio al Paese pensiamo che, per la salvaguardia della salute di tutti i cittadini, questa ricorrenza vada celebrata in modo simbolico.

Con la sola deposizione di una corona sarà reso omaggio alla memoria dei nostri caduti che, come di recente accaduto a Trieste con l’Agente Scelto Pierluigi Rotta e l’agente Matteo Demenego, hanno sacrificato la vita per la sicurezza della nostra collettività.

Saranno tanti i momenti nel futuro in cui torneremo ad incontrarci, ad accorciare quel distanziamento sociale oggi così indispensabile.

Fedeli al nostro claim #essercisempre noi però ci siamo. Cambiano le modalità ma è immutato lo spirito di servizio che ci anima.

Dietro le nostre mascherine pattugliamo le nostre città, le autostrade, le stazioni, i porti e gli aeroporti; con i nostri idranti i reparti mobili sanificano le strade; gli specialisti della Postale smascherano una dietro l’altra le ignobili truffe di chi, approfittando di questo momento di disorientamento, cerca di ingannare con false raccolte fondi i nostri fratelli in tutta Italia.

Con i nostri social vi stiamo raccontando le tante iniziative di solidarietà: da una pizza donata da uno sconosciuto, ad un sorriso per una mascherina regalata ad un anziano fino alla consegna della spesa o di un medicinale a chi non può muoversi.

Insomma, abbiamo ridisegnato il nostro impegno adattando la nostra professione al momento che stiamo attraversando. Cercando la vostra vicinanza e offrendo quello che è nel nostro Dna: l’essere al servizio delle nostre comunità.

Ma oggi vogliamo ricordare anche altro. Le nostre donne e i nostri uomini colpiti da questo virus. Ma soprattutto vogliamo ricordare che insieme a voi siamo rimasti in silenzio, con le lacrime agli occhi, di fronte ai camion che trasportavano i nostri fratelli e le nostre sorelle che non hanno vinto la battaglia contro il Covid 19.

Ci ha uniti, in quel momento, il dolore; ci unisca, fino alla fine di questo percorso, la voglia di farcela insieme. Nel rispetto delle regole e nel rispetto di ogni singolo appartenente alla nostra Nazione. L’appuntamento è per il prossimo anno; come prima, nelle piazze, insieme”.

Redazione City
Le notizie della tua città, al servizio della Comunità!
- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI

MiX Festival Internazionale di Cinema LGBTQ+ e Cultura Queer

Dal 16 al 19 settembre 2021 presso il Piccolo Teatro di Milano, per la prima volta nella “Flying Tiger Mix Young...

Visite animate nello studio del celebre grafico fumettista Osvaldo Cavandoli

Apre al pubblico lo studio del celebre grafico fumettista Osvaldo Cavandoli, in arte CAVA, inventore de La Linea. Il 18, 19...

Mostra “Una pazienza selvaggia” di Arianna Sanesi al Red Lab Gallery Milano

Tutti possiamo trovare la strada del ritorno. La ricerca della propria integrità prendendosi il tempo necessario per tornare a sé e...

IGOODI celebra la Design Week offrendo gratuitamente a tutti i visitatori il proprio rivoluzionario avatar 3D

IGOODI, la prima “Avatar Factory” italiana, in occasione della Design Week e del Fuorisalone 2021 offre a tutti i suoi visitatori...