9.5 C
Milano
venerdì, 23 Ottobre, 2020
Home Fashion Milano Digital Fashion Week dal 14 al 17 luglio. L’appuntamento con Milano...

Milano Digital Fashion Week dal 14 al 17 luglio. L’appuntamento con Milano Fashion Week diventa digitale

Milano Digital Fashion Week . La moda non si piega al Covid-19 e anche se sono state annullate le presentazioni dal vivo delle collezioni uomo primavera-estate 2021 e delle pre-collezioni uomo e donna primavera-estate 2021, che si sarebbero dovute tenere dal 19 al 23 giugno, La Camera della Moda comunica che l’appuntamento con lo stile, l’eleganza e l’esuberanza a Milano è semplicemente rimandato dal 14 al 17 luglio con la Milano Digital Fashion Week. 

Dal 14 al 17 luglio l’appuntamento con Milano Fashion Week diventa digitale

Con l’obiettivo di creare un palinsesto ricco e variegato, fruibile per tutti gli operatori del settore, La Camera della Moda proporrà una piattaforma digitale in cui saranno presentati contenuti fotografici, video interviste, backstage dei momenti creativi e punti di vista alternativi ed unici organizzati in un calendario con slot dedicati ad ogni brand.

Milano Digital Fashion Week : un calendario ricco di contenuti nuovi e ambiziosi

La prima Milano Digital Fashion Week si distinguerà anche perché ha intenzione di arricchire il suo calendario con una serie di contenuti digitali nuovi e ambiziosi; ne sono un esempio: le webinars di approfondimento su tematiche dedicate agli operatori del settore (su accredito); il lectio magistralis in live streaming con figure di spicco del fashion system e momenti d’intrattenimento/live performance da parte dei creativi.

Milano Digital Fashion Week e CNMI 

Simultaneamente alle presentazioni delle collezioni di Milano Digital Fashion Week, CNMI ha ideato una piattaforma parallela che strizza l’occhio agli showroom. Sotto lo stesso tetto le prestigiose firme del Made in Italy e le nuove generazioni del design si ritroveranno a svestire e vestire vecchie e nuove tendenze in un momento storico che a sua volta ha a che fare con il ciclico ritorno delle pandemie. 

“Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma” 

Ecco che il principio di conservazione della massa, meglio conosciuta come legge di Lavoisier, che dice: “Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”, si declina, nuovamente, al mondo della moda. Resta da domandarsi: la fotografia di questo momento, come promesso almeno dall’incalzare esuberante dei buoni propositi di molti stilisti, sarà in grado di ridisegnare e di riassettare gli equilibri del sistema fashion che brucia nel nascere la bellezza incontrastata del sartoriale e della creatività a favore di qualcosa di effimero che non dura nemmeno il batter di ciglio di una stagione? 

È qui che apparenza e forma si giocano il tutto per tutto. È ora e adesso che il sistema può dettar le nuove regole e non piegarsi alle leggi del mercato restituendo alla moda il valore autentico di un abito senza tempo. Apprezzare la bellezza è tra i veri valori che questa crisi può e deve insegnarci. 

Altro “problema” 

Ma se ad alcuni – per essere qualcuno – è sufficiente indossare se stessi (intesa come espressione della propria creatività, eleganza, estro… e il capo diventa strumento del proprio carisma/charme) , ad altri è necessario sfoggiare qualcosa di griffato (con marchio ben in vista, anche contraffatto), per darsi un tono (effetto fotocopia) che nulla ha a che vedere con lo stile. Stile, chiaramente, esteso in tutte le sue forme espressive coniugate alla vita. 

Milano Digital Fashion Week sarà visibile sui canali digitali di Camera Nazionale della Moda Italiana (cameramoda.it; Instagram; Twitter; Facebook; Linkedin; Weibo; Youtube). 

Salvatore Paglia
Vivere senza banalità? Uno scopo. Smettere di mangiare il salato dopo il dolce? Una sfida perenne. L’amore per la scrittura? Un incontro senza colpo di fulmine, sfociato in un’inarrestabile passione e caratterizzato da “licenze poetiche”. Ciò che mi riesce bene? Regalare sorrisi agli estranei, rimpinzarmi di schifezze sul divano vestito come se dovessi andare alla Scala e perdermi negli occhi di anziani e bambini.
- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI

Mostra Giancarlo Cerri: “Quando l’orbo ci vedeva bene”

Dal 28 ottobre al 15 novembre al Centro Culturale di Milano in Largo Corsia dei Servi 4. Dopo...

“La vie en rose… Bolero”, uno spettacolo straordinario che cattura ed emoziona

Venerdì 30 ottobre al Teatro Pime di Milano Senza dubbio è uno dei titoli di punta del Balletto...

Giovanni Cerri: Diario della pandemia, quaranta disegni durante l’isolamento

Casa Lucio Fontana - Via Lucio Fontana 450 - Comabbio (VA)Dal 10 ottobre al 1° novembre 2020

Domenica 27 settembre “Sei gridi di separazione”, la nuova stagione di musica classica dello Spazio Teatro 89 di Milano

Sei gridi di separazione Piccola fenomenologia del distanziamentodal 27 settembre al 22 novembre 2020